WiFi nelle scuole. Un tabù?

Ne “Il Giornale di Vicenza” di oggi c’è un articolo sulla decisione della scuola Lampertico di non dotare l’istituto di WiFi. Motivazione: non sempre l’accesso ad internet da parte degli studenti è “consapevole”.

Quando si dice le coincidenze. Sto leggendo l’articolo di Marco Guastavigna su: “Competenza digitale per usare con spirito critico le tecnologie” sul numero di dicembre-gennaio di “ScuolaInsieme” (cartaceo – anzi fotocopia – non c’è l’edizione on-line ;-) Si, sono in violazione del copyright, ma spero nella comprensione dell’autore e dell’editore).

Preso atto che in Italia sono insufficienti gli investimenti sia in infrastrutture che in modelli culturali, Guastavigna osserva che è uno spazio proprio della scuola aiutare gli studenti a convertire quotaparte delle proprie capacità dall’intrattenimento all’uso cognitivo ed etico delle tecnologie ICT.

E’ quindi una soluzione sequestrare i cellulari agli studenti e non mettere a disposizione il WiFi?

Citando il documento UNESCO (2008): “Quadro di riferimento delle competenze per i docenti sulle tecnologie dell’informazione e della comunicazione” ricorda l’impegno a formare studenti in grado di fare, con le tecnologie, tra le altre cose:

  • trovare soluzioni ai problemi e prendere decisioni;
  • comunicare, collaborare, pubblicare e produrre contenuti digitali.

E senza il WiFi è più facile o difficile raggiungere queste competenze? ;-)

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...