Il diritto d’autore va sempre rispettato!

Il libro scolastico è scritto da un professore? Non ha diritto d’autore.

Leggendo la dichiarazione di Michele Lessona in questo articolo, sembra questa la conclusione. Ma non è così. Anche i libri scritti dai professori hanno sempre e comunque un diritto d’autore. Magari non è esplicitato, ma c’è.

Dalla dichiarzione si deducono 3 motivazioni. Semplifico: il libro non è “vestito” graficamente in modo professionale, non è prodotto da un’equipe di esperti, non rispetta il diritto d’autore.

Sul primo punto non entro. Io sono un “esteta”😉 Vediamo il secondo. Intanto mi aspetto che i professori siano esperti della loro materia in generale! Nello specifico poi, poiché lavorano in equipe per produrre questi testi non ho dubbi che 10 occhi vedomo meglio di 2 e quindi il prodotto sia il “compendio” (che è sempre maggiore della conoscenza dei singoli) della conoscenza di tutti i professori che hanno collaborato. E quindi ragionevolmente mi aspetto che la “qualità” dei testi prodotti dagli insegnanti sia paragonabile a quella dei testi prodotti dagli editori. Almeno fino a prova contraria.

La terza critica mi è invece incomprensibile. Mi piacerebbe che Michele Lessona mi spiegasse meglio questo punto. Infatti per la legge italiana sul diritto d’autore non è possibile produrre un “testo orfano”. Lo incroci per strada e non ha paternità😉

Spero invece che i professori che scrivono testi scolastici, siano consci che anche se sui loro testi non scrivono “tutti i diritti riservati”, automaticamente, per legge, è così. E magari spero che decidano di pubblicare con licenza CreativeCommons.

Una risposta a “Il diritto d’autore va sempre rispettato!

  1. Sarò un opinionista, ma per esperienza di prima persona, si dovrebbe fare una legge internazionale a doc per l’uso della licenza Creative Commons.
    Faccio l’ esempio personale;
    In un evento per l’inaugurazione di un monumento, le lodi da artista sono cadute tutte allo scultore, che dopo un cospicuo ricompenso, rimane il nome impresso nella storia con tanto di copyright.
    Colui che ha curato la pare grafica digitale per la pubblicizzazione dell’evento è sempre un artista creativo?
    rilascia le immagini con la licenza Creative Commons in più le cede come contributo in cambio di … che il nome appare solo verbalmente nelle riunioni organizzative, mentre un’ente pubblico locale se ne appropria i diritti e lo modifica a piacimento.
    Il mio commento è :
    Ma siamo tutti pronti ad accertare le alternative di “tutti i diritti riservati” e a sua volta rispettare le licenze a partire di chi è in primus da mettere in atto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...