La riforma agraria del XI secolo

Come aiutare la crescita dell’economia italiana? Sono convinto che serva una “riforma agraria” applicata al XI secolo per aiutare i “braccianti” moderni a diventare piccoli imprenditori.
Poichè nell’economia digitale l’equivalente delle terre coltivabili sono la “proprietà intellettuale” e i “brevetti” (posseduti dai grandi proprietari terrieri moderni), perchè non fare una legge, come quella del 1950, finalizzata ad aumentare la redditività dei moderni agricoltori dell’economia digitale ?
Ad esempio ridurre a 10 anni la durata dei brevetti ed a 20 anni quella del diritto d’autore.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...