Archivi tag: riuso

Il ruolo strategico del software libero nella Pubblica Amministrazione

Sono stato invitato, a nome dell’associazione Italian Linux Society, alla tavola rotonda: “Il ruolo strategico del software libero nella Pubblica Amministrazione“. E’ un appuntamento del convegno : “Software libero e riuso: come la Pubblica Amministrazione può fare comunità” che si terrà domani 3/11/2010.

Innanzitutto ringrazio gli organizzatori per il gradito invito. E’ un onore partecipare ad un convegno del Settore IT del Comune di Padova. Hanno realizzato un protocollo informatico OpenSource, disponibile per il riuso, rilasciato con licenza AfferoGPL. Questa è una gran cosa!

Ma vediamo, dalla parte del cittadino, perchè il software libero è importante.

Innanzitutto: perchè pagare più volte la stessa cosa? Se l’amministrazione comunale di Padova produce il software che serve a far funzionare il protocollo informatico, perchè il comune di Vicenza lo deve comperare nuovamente? Non è meglio se lo ottiene dal comune di Padova e paga solo, se servono, i servizi connessi? Ma comperare nuovamente la licenza d’uso, pagando 2 volte la stessa cosa, sicuramente per il cittadino non è un affare.

Secondo motivo: la licenza d’uso, alla fine, è un pezzo di carta dove c’è scritto che puoi legalmente usare un dato software. Non è meglio adottare un software liberamente utilizzabile e far girare l’economia dei servizi informatici? Cosa è più utile per l’Italia e il Veneto? Spendere in licenze d’uso o spostare costi da licenze a servizi?

Il resto a domani! 🙂

Vi aspetto.

Annunci

La collaborazione è una potente forza economica

Domani, 5 novembre 2009, sono al COM-PA per il convegno: “Open source e piano e-gov 2012: opportunità e prospettive di sviluppo“. Non è facile decidere il taglio da dare al mio intervento. Ci sto ancora pensando.

Mi è tornata alla mente un’immagine che Don Tapscott utilizza in Wikinomics 2.0. Internet vista come un unico computer sofisticato in cui individui e aziende partecipano alla sua programmazione. E da qui è facile arrivare ai diritti e alle libertà che sono all’origine del software libero. Grazie a questo grande computer che è internet è facile oggi creare contenuti a disposizione di tutti. Ad esempio, domani mattina, mentre si svolgerà il convegno, sarà già possibile conoscere alcuni spunti del mio intervento. E la fatica che ho fatto è praticamente nulla. Impensabile anche solo 5 anni fa.

Oggi infatti è facile scavalcare le fonti consolidate. Basta un blog.

Linux, Wikipedia, Google e molti altri esempi di successo ci hanno dimostrato che il vecchio modello di business che punta ad intrappolare i clienti, non funziona più. L’apertura e la collaborazione possono diventare una potente forza economica.

Tra gli obiettivi proposti dal piano e-gov ce ne sono molti che si prestano a questa chiave di lettura. Tanto più che il piano per essere attuato ha bisogno di molte risorse che, soprattutto oggi, non sembrano compatibili con la necessità del contenimento della spesa.

Ma è proprio vero che servono solo soldi?
In definitiva se si vuole dare nuove opportunità all’impreditoria italiana, l’obiettivo primario deve essere liberare i contenuti di proprietà della pubblica amministrazione per ogni scopo, anche commerciale.

Priorità far ripartire l’economia. Non bastano i soldi. C’è un patrimonio di valore che puo’ essere messo a disposizione di tutti.

Cito un solo esempio di come si potrebbero liberare risorse per tutti. Il progetto “didattica digitale”. Se tutto il materiale prodotto venisse condiviso con una licenza di tipo CreativeCommons, ad esempio CC-BY-SA?

Il resto, domani 😉

‘notte.